[rev_slider news]

Grazie a “La Guida” per l’intervista

20 settembre 2017
[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Allegria e tanta gente, all’inaugurazione Centro del Sorriso.

I latini dicevano “in nomen omen” ossia un nome contiene già in se il suo significato e sabato si respirava una sorridente atmosfera in via Caduti sul lavoro 3 a Cuneo, dove si è inaugurato il moderno studio odontoiatrico dei dottori Chillari, Topalli e Cirigliano.

È stato invitato cortesemente anche il vostro cronista, che ha approfittato dell’occasione per intervistare i titolari e porre loro alcune domande, che possono interessare i nostri affezionati lettori.

Dall’esterno la palazzina non dice molto, però quando entri scopri un ambiente caldo ed accogliente. Sarà che tutte le assistenti sono sorridenti ed eleganti o che la sala d’aspetto è curata per accoglierti comodamente, ma la sensazione che provi è lontanissima dai ricordi e dagli odori dello studio dentistico tradizionale.

Mentre vecchi e nuovi pazienti visitano lo studio, i dottori hanno uno studio dentistico anche a Caraglio, inizio questa breve intervista. Per antica cavalleria iniziamo dalla dottoressa Cirigliano.

Buongiorno dottoressa, soddisfatta di questa inaugurazione?

Come non esserlo, l’affluenza e soprattutto la simpatia che ci manifestano i partecipanti è di gran lunga superiore alle nostre attese, sono emozionata. Quanto affetto poi dai miei piccoli pazienti.

Lei è amatissima dai bambini, continuano a venire a salutarla!

È vero, la mia attività principale è l’ortodonzia, soprattutto quella dei minori, amo moltissimo dedicarmi ad essa e i bambini capiscono che gli voglio bene. La cosa bella è che dopo qualche anno di attività, iniziano a venire anche fratellini più piccoli o compagni di scuola, evidentemente hanno di me un buon ricordo anche i genitori.

Dottor Chillari, ci spiega perché questo bel nome: Centro del Sorriso?

Perché è un nome che fa istintivamente sorridere e già questo ci piace molto.

Poi la parola Centro è stata scelta per due ragioni, la prima e più semplice è che lo studio è una struttura organizzata, con 5 postazioni lavorative, radiologia digitale e il meglio delle attrezzature, non un tradizionale studio dentistico. La più importante è che, nella nostra filosofia operativa, l’impegno è nel mettere al centro della nostra attenzione ogni singolo paziente che ci interpella: non curiamo denti, ma persone.

Per questo è veramente raro che le nostre prime visite durino meno di 45 minuti. Come si può conoscere una persona, capire i suoi desideri e studiare per lui la migliore soluzione se non lo si ascolta a lungo?

Caspita dedicate un sacco di tempo a queste prime visite!

Tempo speso bene, perché dopo questa approfondita conoscenza il medico curante, lo stesso che ha fatto la prima visita naturalmente, ha tutte le informazioni per procedere al meglio nella cura. Intesa non solo come soluzione tecnica al problema, che è ovvio risolviamo, ma soprattutto come risposta globale ai desideri di salute e di estetica emersi dalla visita.

Congratulazione dottore, ho capito il perché del Sorriso: proponete un sorriso che non sia solo fisico, ma anche emotivo.

Lei lo spiegato meglio di come avrei saputo fare io. Nel nostro piccolo, siamo solo una decina di persone al “Centro del Sorriso”, ci siamo dati delle regole ben precise da osservare, che le grandi aziende chiamano “mission”.

La nostra mission è:

porre al centro le esigenze del paziente e fornire il massimo dell’attenzione e cura”.

Dottor Chillari, mi aveva anticipato che le eccellenze del Centro sono l’ortodonzia e la protesi, mi spiega il perché?

Per quanto riguarda l’ortodonzia è significativo il fatto che la dottoressa Cirigliano ed io siamo ambedue specialisti in ortodonzia, dell’infanzia e della età adulta. Tra l’altro io sono relatore per la 3M Unitek, il leader mondiale nella ortodonzia linguale. Particolarmente utile dall’adolescenza in avanti, per fare una vera ortodonzia invisibile.

Per quanto riguarda la protesi quello è il campo specifico del nostro socio ed amico dottor Topalli.

Quello che ci ha fatto spendere un mucchio di soldi per inserire nello studio una Cone Beam, che è l’evoluzione della vecchia TAC.

Dottor Topalli, sua colpa o merito aver voluto una TAC nello studio?

Mi risponda lei: se dovesse venire a visitarci per valutare l’inserimento di una nuova protesi e dovessimo capire se vi è osso sufficiente per inserire un impianto, cosa preferirebbe? Andare alla Asl o a un centro radiologico, perdere altre ore di lavoro e soldi oppure in 15 minuti avere il tutto all’interno dello studio?

Certo è una bella comodità. È così importante capire la situazione ossea?

Fondamentale. E non uso questa parola a caso. L’impianto in titanio che inseriamo nell’osso è il fondamento di tutta l’attività protesica futura, se non lo posizioniamo conoscendo la struttura ossea, dopo pochi anni possono già sorgere i primi problemi. E invece noi vogliamo che i nostri pazienti sorridano a lungo.

Per cui un impianto ben messo dura per sempre?

Noi non facciamo promesse fasulle, ma un impianto può durare decine di anni, se medico e paziente collaborano alla sua salute. Pensi che nel nostro protocollo abbiamo inserito una visita di controllo semestrale, gratuita, per 10 anni a tutti i pazienti che effettuano l’implantologia. Primo per monitorare la perfezione del nostro intervento, secondo per controllare l’indispensabile cura ed igiene che deve avere il paziente, per preservarlo e mantenerlo.

Nel Centro del Sorriso fate anche l’impianto in giornata?

Tecnicamente si chiama carico immediato e consiste nel “caricare”, ovvero inserire, una protesi provvisoria ed estetica poche ore dopo l’inserimento dell’impianto. Non sempre è possibile, qui l’aiuto della Cone Beam TAC è basilare, ma spesso è un grande vantaggio pratico e psicologico per il paziente. E’ una tecnica a cui mi dedico da molti anni e su cui sono particolarmente esperto.

Vi ringrazio molto, siete stati gentilissimi.

Il Centro del Sorriso continua con la sua festa e il vostro cronista ricopia l’intervista con una bella sensazione, questi giovani e sorridenti medici mettono molta passione nel loro dire e nel loro fare.

E tanta simpatia, che è sempre piacevole.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/2″][vc_btn title=”Vuoi maggiori informazioni sui trattamenti ortodontici?” style=”3d” color=”purple” align=”center” button_block=”true” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.centrodelsorrisocuneo.it%2Fform-contatto-ortodonzia%2F|||”][/vc_column][vc_column width=”1/2″][vc_btn title=”Vuoi maggiori informazioni sulla protesi immediata?” style=”3d” color=”purple” align=”center” button_block=”true” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.centrodelsorrisocuneo.it%2Fform-contatto-protesi%2F|||”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

Chiamaci senza impegno, saremo per te fonte di sorriso.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Ortodonzia non chirurgica: la tecnica Sato

17 maggio 2017
[vc_row][vc_column][vc_column_text]A cura della dottoressa Maria Francesca Cirigliano.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]La tecnica del prof Sato è una soluzione ortodontica indicata nella terapia delle malocclusioni complesse o caratterizzate da problematiche delle articolazioni temporo-mandibolari, di cui un classico esempio è la mancanza di occlusione dei denti frontali: occlusione del morso. La sua principale peculiarietà è che si tratta di una tecnica minimamente invasiva; utile anche in tutti i casi di problematiche delle articolazioni temporo-mandibolari.

E’ auspicabile trattare le malocclusioni scheletriche durante la fase di crescita del paziente, perché in un paziente in crescita è possibile modificare le basi ossee, guidare la loro struttura verso una migliore armonia basale. A volte, purtroppo, intercettiamo i pazienti in età adulta o a fine crescita per cui non si può modificarne più di tanto la struttura ossea. Grazie alla tecnica del prof. Sato è invece possibile mettere in atto dei compensi che portano a cambiamenti scheletrici e quindi in alcuni casi alla risoluzione della malocclusione.

Grazie all’utilizzo di questa tecnica innovativa, è spesso possibile evitare di ricorrere alla chirurgia ortognatica, per la correzione di malocclusioni scheletriche nei pazienti a fine crescita, che per le altre tecniche ortodontiche sarebbero sicuramente da operare.

Con notevoli benefici per il paziente adulto, sia operativi sia di comfort.

Inoltre, certi disturbi delle articolazioni temporo-mandibolari, che si manifestano con rumori avvertiti nella zona davanti all’orecchio, dolore, tensione muscolare, mal di testa muscolo-tensivo sono spesso imputati ad una cattiva occlusione.

Questa tecnica, che ha cambiato radicalmente ed in meglio l’approccio ortodontico verso le malocclusioni scheletriche, si basa sulla modifica dell’inclinazione del piano occlusale, cioè di quel piano ideale che unisce i denti tra loro, attraverso l’utilizzo di una particolare apparecchiatura ortodontica fissa. Questo per mettere in corretto rapporto l’occlusione con le articolazioni temporo-mandibolari.

Si tratta di una terapia causale, non sintomatica, cioè si agisce sulle cause delle malocclusioni e pertanto il risultato è stabile e duraturo nel tempo.

Presso il Centro del Sorriso abbiamo mezzi e specialisti di prim’ordine per analizzare, studiare e proporti la migliore soluzione possibile e definitiva al tuo problema di occlusione. Vieni a trovarci senza impegno per una prima valutazione, siamo la scelta giusta per ripristinare funzione ed estetica della tua occlusione dentaria:l’armonia nella chiusura delle due arcate dentali.

Le nostre visite prevedono anche la possibilità di un esame radiologico con l’ausilio della TAC Cone Bean, presente all’interno dello studio.

Ti aspetto,

Dottoressa Maria Francesca Cirigliano

Specialista in ortognatodonzia[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_cta h2=”L’ortodonzia non chirurgica ha una sede” h4=”Al Centro del Sorriso tu sei importante” style=”3d”]Vieni al Centro del Sorriso di Cuneo, valuteremo accuratamente le tue necessità ortodontiche e sopratutto il tuo desiderio di cambiamento.

Avrai una diagnosi immediata, il nostro centro è provvisto di Cone Beam (TAC) e potrai vedere come abbiamo felicemente risolto casi simili, tratti dalla nostra ampia casistica. Ti aspettiamo, chiedi di me.

Francesca Cirigliano[/vc_cta][vc_btn title=”Contattami per avere maggiori informazioni” style=”3d” color=”purple” align=”center” button_block=”true” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.centrodelsorrisocuneo.it%2Fform-contatto-ortodonzia%2F|||”][/vc_column][/vc_row]

Ortodonzia linguale: l’estetica che funziona

[vc_row][vc_column][vc_column_text]L’ortodonzia linguale è una particolare tecnica ortodontica che permette di riallineare i denti ed ottenere una corretta masticazione attraverso l’utilizzo di un’apparecchiatura assolutamente invisibile.

Le classiche “piastrine” dell’apparecchio che siamo stati abituati a conoscere e a vedere, soprattutto nell’adolescente, vengono infatti utilizzate non più sulla parte esterna del dente, ma bensì da quella interna. Permettendo di risolvere qualsiasi tipo di problema estetico e funzionale, senza che l’apparecchio venga mai visto durante la cura.

Nello “Centro del Sorriso” utilizziamo l’apparecchiatura “Incognito” © 3M, progettata dal leader mondiale dell’ortodonzia linguale, che assicura il maggior comfort possibile al paziente, proponendo il sistema di attacchi più sottili in commercio (quindi con il minor disagio in assoluto durante la masticazione e la fonazione).

Gli attacchi invisibili Incognito sono prodotti in maniera individualizzata ed assolutamente specifici per ogni diverso caso.

I vantaggi di questo genere di terapia, rispetto ad altre tecniche estetiche sono:

  • estetica assoluta: sulla superficie esterna del dente non si vede assolutamente nulla, nemmeno un sottile strato di mascherina trasparente. L’allineamento dei denti è percepibile dal paziente a partire dai primi mesi

  • applicabilità in ogni singola situazione: così come con l’apparecchio esterno, si possono risolvere tutte le problematiche ortodontiche. Denti accavallati, mancanza di spazio, problemi di masticazione, situazioni nella quali è necessario togliere dei denti;etc.

  • semplice: non si richiede al paziente di indossare autonomamente qualcosa, quindi non si deve ricordare di mettere e togliere un dispositivo che potrebbe essere perso oppure rotto. Per tutta la durata della terapia, l’apparecchio è fissato sui denti e viene rimosso soltanto quando si è raggiunto il risultato previsto.

  • per gli adulti: questo genere di terapia è nata principalmente per l’adulto, e la sua indicazione massima la ritrova proprio in tutte quelle persone adulte che non possono o vogliono avere in bocca un apparecchio ortodontico visibile. Al Centro del Sorriso, eccellenza ortodontica piemontese si possono rivolgere con fiducia anche gli adulti che non hanno mai voluto sistemare la propria bocca per paura di utilizzare qualcosa di visibile.

  • per gli adolescenti: età difficile in cui l’aspetto estetico è fonte di continuo controllo, ebbene con la ortodonzia linguale si risolvono in modo invisibile anche i casi più complessi. Garantendo serenità ed efficacia.

Il Centro del Sorriso è specializzato nelle cure ortodontiche ed uno dei suoi soci – dottor Daniele Chillari – è relatore certificato Incognito 3M.

Contattaci con fiducia per una prima visita informativa, per capire come intervenire e capire il risultato estetico e funzionale che avrai.

Grazie per la cortesia

Dottor Daniele Chillari[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_btn title=”Sono interessato a valutare l’ortodonzia linguale, quella invisibile.” style=”3d” color=”purple” align=”center” button_block=”true” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.centrodelsorrisocuneo.it%2Fform-contatto-ortodonzia%2F|||”][/vc_column][/vc_row]

Cos’è la parodontologia: gengive che sanguinano

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Parodontologia.

Gengive che sanguinano o denti che muovono sono segni di una grave malattia orale che colpisce 4 individui su 10: la parodontopatia. La diagnosi ed il trattamento precoce delle fasi acute riduce notevolmente il rischio di perdere nel tempo i denti affetti. La diagnosi ottenuta da esami clinici (microbiologici e genetici) e strumentali ( rx endorale e tac Dentalscan) si avvale anche di test biochimici e microbiologici con cui individuare il profilo di rischio genetico e la presenza di batteri aggressivi all’interno del cavo orale. Il controllo nel tempo dei fattori che causano la malattia (placca batterica e tartaro) rappresenta il passo iniziale di un trattamento parodontale. Con la chirurgia rigenerativa parodontale i difetti generati dalle fasi acute vengono ridotti migliorando la prognosi dei denti colpiti dalla malattia.

Non trascurare le gengive sanguinanti, nella fase iniziale la parodontologia è curabile con tempi brevi, ma il trascurarla mette in dubbio la salute e la stabilità stessa dei denti.

Al Centro del Sorriso di Cuneo applichiamo le tecnologie più efficienti per riportare il tuo parodonto in piena salute.

Basta dolore, basta sanguinamento, prenota una visita.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_btn title=”Prenota una visita al Centro del Sorriso” style=”3d” color=”purple” align=”center” button_block=”true” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.centrodelsorrisocuneo.it%2Fform-contatti%2F|||”][/vc_column][/vc_row]

Raddrizzare i denti? Non è troppo tardi!!

11 gennaio 2017
[vc_row][vc_column][vc_column_text]0b32104f299801312b26657e4a0cb2a2

Negli ultimi anni, sempre un maggior numero di persone, anche in età adulta, decide di voler migliorare il proprio sorriso, magari correggendo proprio un cattivo allineamento dentale. (Non esageriamo, purtroppo Tom Cruise non è un mio paziente, ma come vedi anche lui ha eseguito una terapia ortodontica!)

show more

4 rimedi naturali contro la sensibilità dentale

20 ottobre 2016
[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Oggi parleremo di un problema tanto diffuso quanto fastidioso e a volte invalidante: l’ipersensibilità dentale.

 

Sì, sto proprio parlando di quella fitta che si sente quando si sta mangiando un bel gelato, oppure bevendo una bevanda fredda, a volte addirittura senza che la temperatura di quello che stiamo assumendo sia particolarmente bassa. show more

Perché vi è una TAC al Centro del Sorriso

9 settembre 2015
[vc_row][vc_column][vc_column_text]La radiologia Cone Beam – più conosciuta con il nome di TAC – costituisce oggi lo stato dell’arte per la diagnosi odontoiatrica. E’ attrezzatura sofisticata ed oggettivamente molto costosa, ma consente di capire perfettamente la situazione ossea.

Il Centro del Sorriso di Cuneo è dotato di una Cone Beam, al suo interno per dare un servizio rapido ed affidabile ai suoi pazienti. Senza obbligarli a lunghe e costose prenotazioni preso centri esterni.
show more