L’ortodonzia interviene anche sulle ossa della faccia?

Sì, l’ortodonzia può avere effetti anche scheletrici.

Il momento migliore per agire è quando il paziente è nella fase della crescita perché lo scheletro è ancora plasmabile e si sfrutta la sua crescita naturale. Si possono ottenere buoni risultati anche in pazienti adulti.  A volte per correzioni scheletriche importanti si può ricorrere alla chirurgia maxillo facciale. Oppure utilizzare tecniche avanzate come quella del prof. Sato, di cui al Centro del Sorriso di Cuneo vi è un esperta allieva: la dottoressa Maria Francesca Cirigliano.

Vedi anche: Terapia non chirurgica Sato